Il Lavoro

La prima delle urgenze oggi è quella del lavoro. E’ necessario investire affinché coloro che si trovano in situazione di perdita occupazionale da subito possano scommettere ancora su loro stessi e possano essere accompagnati ad una immediata riqualificazione e un ri-orientamento sul mercato del lavoro. Pensiamo a una equipe di persone sul territorio comunale espressamente dedicate a supportare le famiglie nel momento in cui il lavoro viene meno, prendendo in carico in maniera complessiva e tempestiva la situazione: aiutando a rivedere il bilancio familiare, a progettare soluzioni per evitare la criticità della situazione abitativa e rimettere subito il soggetto sul mercato del lavoro.

Inoltre insieme ai nuovi bandi e progetti occorre valorizzare il sistema di proposte e normative esistenti oppure in tema di inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati, il rafforzamento di alcune scelte in tema di appalti o di affidamento di servizi da parte della pubblica Amministrazione.

L’amministrazione, seguendo la proficua esperienza di altri enti locali in merito, organizzerà il “Job Day”, ripetuto con cadenza almeno annuale, dove aziende alla ricerca di personale, svolgeranno colloqui conoscitivi con candidati che verranno preselezionati. E dove verranno organizzati workshop e seminari di approfondimento sulle tendenze del mercato del lavoro e sulle nuove prospettive per le imprese del territorio. Il Comune deve diventare collettore tra aziende e disoccupati per un trasparente incontro domanda/offerta di lavoro. Su questo punto, come su altre azioni, cercheremo la collaborazione delle organizzazioni sindacali e datoriali.

Saranno inoltre organizzati dei “Talent day” workshop per giovani inattivi, al fine dell’emersione di loro particolari capacità e creatività per un potenziale avvio d’impresa. Tale attività sarà organizzata in accordo con le associazioni di categoria che potrebbero poi supportare i giovani nell’avvio della loro possibile attività.