L’Agricoltura e il Vino

L’agricoltura ha un ruolo strategico per la salvaguardia del paesaggio, per la capacità di far crescere insieme territorio e impresa umana, per il valore del lavoro e della terra, per la capacità di esprimere attraverso la tipicità dei prodotti l’identità di un territorio.

Il nostro obiettivo è lavorare soprattutto per fare emergere le eccellenze, mantenerle attive in una logica di filiera territoriale affinché siano consumate nel mercato domestico prima e nel sistema turistico, individuando poi nicchie di eccellenza destinate all’esportazione e alla remunerazione delle imprese.

Una di queste eccellenze è certamente il vino. Frascati, con i territori limitrofi, è una importante zona di produzione di vino che porta valore economico, sociale e di promozione, e non può il Comune e l’amministrazione dello stesso non provare a supportare processi di sviluppo e salvaguardia di tale prodotto, in collaborazione con il Consorzio Tutela Denominazione Vini Frascati che proveremo a coinvolgere anche a supporto della politica agricola della città.

Per fare questo c’è bisogno di sostenere le imprese:

  • aiutandole nel reperimento delle informazioni e dell’aggiornamento (es. bandi e opportunità), favorire la formazione e l’innalzamento delle competenze.
  • creando un link tra il modello delle buone prassi e il mondo della terra ove queste buone prassi sono nate
  • agevolando la ricerca di risorse e finanziamenti
  • Sostenendo l’aggregazione e le reti tematiche come opportunità non solo per le imprese ma anche per il territorio;
  • Individuando/organizzando iniziative che possano anche avere uno sfondo commerciale (organizzando btob) o promozionale (Festival del vino estinto);
  • Attuando e rilanciando le detassazioni per gli operatori enogastronomici che dimostrano l’uso dei vini di Frascati;
  • Sviluppando la visibilità della cultura del vino negli spazi pubblici e incrementando il legame tra la città e i suoi vini;
  • Portando cura ai panorami vitivinicoli evitando il degrado degli spazi pubblici e stradali;
  • Supportando le attività del Consorzio di Frascati con la variazione della destinazione d’uso dell’attuale sede e la sistemazione dello spazio antistante.
  • Promuovendo una vetrina delle eccellenze per il Mercato Contadino da proporre settimanalmente in una zona del centro di Frascati.

Frascati Bio. In questa prospettiva l’agricoltura può essere uno dei centri di un Distretto Frascati Bio, un altro tassello di quella Frascati Slow che pezzo dopo pezzo dobbiamo disegnare, valutando l’adesione a progetti di valenza nazionale e internazionale come i “Bio-distretti” o le città del Bio con una attenzione particolare alla nuova sfida della Biodinamica

Per noi agricoltura significa anche terra e lavoro.

In questo quadro in molte realtà l’agricoltura è stato il terreno ove sperimentare il dialogo tra opportunità, lavoro e manualità, con progetti e misure per lo sviluppo dell’ agricoltura sociale. Ciò significa servizi informativi alle persone, inserimento lavorativo dopo percorsi di formazione, valorizzazione di progetti nazionali e comunitari.

Un secondo punto riguarda la possibilità di ridare valore alla terra, prima di tutto realizzando un censimento delle terre incolte e abbandonate, che possano stare alla base di iniziative di cooperazione e di nuove imprenditorialità, utilizzando anche le opportunità disegnate dalle leggi regionali in materia. E ancora lavorare per un rapporto forte tra terra e formazione.

Orti scolastici. Un progetto che vogliamo portare avanti fa il paio con gli orti solidali, e riguarda la realizzazione di orti nelle scuole per trasmettere ai ragazzi i concetti di stagionalità e salubrità dei prodotti della terra.

Mercati contadini e Gas. Infine occorre proseguire il lavoro già avviato sulla filiera territoriale con i mercati contadini, con la vendita diretta e supportare la crescita e la valorizzazione dei Gas (gruppi di acquisto solidali) favorendone la nascita. Queste sono esperienze utili alla commercializzazione dei prodotti di qualità, da unire al completamento della rete agricoltura-ristorazione-negozi per la valorizzazione delle produzioni locali.

Ed ancora:

  • cura del patrimonio boschivo, attraverso anche convenzioni con consorzi agro-forestali;
  • rivalutazione della gestione delle risorse idriche;
  • creazione di un “Polo per la Ricerca e l’Innovazione in Agricoltura” (magari utilizzando terreni incolti) inteso come luogo di sperimentazione in pieno campo – in collaborazione con gli enti del polo della ricerca e finanziato attraverso progetti europei.

creazione di una “banca dei saperi, dei sapori e del vino” per mantenere viva la memoria delle tradizioni frascatane ai tempi dei social network, anche attraverso gli strumenti della comunicazione contemporanea.